Tornare a studiare dopo la maternità

Diventare mamme è una sensazione bellissima: anzi, la più bella che possa mai essere provata nella vita; eppure non sempre è tutto rose e fiori, e non parliamo delle levatacce alle 4 del mattino o delle notti in bianco, dei lamenti del neonato, dei suoi piccoli malesseri e di tutti gli altri pensieri che animano la quotidianità di una mamma, ma dei suoi rimpianti. Sì, perché chi decide di mettere al mondo un bimbo spesso rinuncia ad altri sogni, chiusi a doppia mandata all’interno di un cassetto che rischia di non essere mai più aperto. Proprio come spesso accade nel caso della laurea.

mamma_studiare_laura_gravidanza_universita_unicusano_momeme

Spesso tante giovani donne che diventano mamme decidono di abbandonare gli studi e non si tratta di un semplice vezzo, ma di un’azione spesso necessaria. Andare all’università a frequentare le lezioni, tornare a casa a studiare e nel mentre curare tutte le necessità di un bambino è in effetti una missione difficilmente realizzabile. Ed ecco che, com’è ovvio che sia, le necessità di un neonato spingono lontano dalla mamma tutti gli altri pensieri, compresa la laurea; un gesto che purtroppo potrebbe causare più di un pentimento con il trascorrere degli anni. Molto spesso con una laurea è più facile trovare un lavoro e magari anche solo sentirsi realizzate…
Non è comunque il caso di disperarsi perché, grazie alle università online, ho scoperto che è possibile superare qualsiasi ostacolo e conseguire una laurea anche se si ha un bimbo piccolo, che necessita di tutte le attenzioni del mondo. Questi atenei, infatti, consentono di frequentare ogni singola lezione online, senza muoversi di casa e dunque senza abbandonare il bambino, tenendolo sempre d’occhio anche quando si vedono (o si ascoltano) le videoregistrazioni delle lezioni al computer; che possono essere visionate anche dopo, a qualsiasi ora si desideri, magari quando il piccolo dorme! Inoltre, atenei telematici come l’Unicusano consentono anche il cambio università con la convalida degli esami: nel caso delle mamme che hanno abbandonato gli studi per via della gravidanza, in questo modo è possibile riprendere da dove si era interrotto il discorso, senza perdere neanche un CFU. Non male direi!

Tornare a studiare, per una mamma, in fondo è tutta una questione di motivazioni: il primo passo, dunque, è fissare l’obiettivo della laurea avendo ben chiari i benefici, che possono essere a livello di autostima o a livello professionale. Fatto questo, per una mamma è importantissimo imparare a sfruttare qualsiasi momento della giornata per studiare: quando il bimbo schiaccia un pisolino, o quando ci si trova imbottigliate nel traffico. Infine, sempre meglio partire con i piedi di piombo con i libri: il cervello ha bisogno di essere riattivato dopo un periodo più o meno lungo di lontananza dallo studio, e sovraccaricarlo sin da subito potrebbe far sentire frustrate e far passare ogni motivazione.

Se quindi siete mamme che avete abbandonato l’università o siete mamme che avete quel piccolo rimpianto in fondo al cuore, questo è il momento di pensare a voi e riprendere in mano il vostro futuro ed i libri! ;)

Related posts:

Bookmark the permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>