Maledette zanzare!

edf

Sbaglio o una volta difendersi dalle zanzare non era difficile come oggi? Ricordo che quando ero bambina (e non sono nata nel Paleolitico) la situazione zanzare non era tragica come oggi; ora mi sembrano agguerrite come non mai!

Qualche tempo fa, Zoe si è svegliata con due bubboni sulla fronte, uno a destra e uno a sinistra; sembrava Lamù! Punture di insetto ha detto il pediatra.
Qualche settimana dopo e qualche puntura più tardi, quelle che invece sembravano essere delle semplicissime punture di zanzara, nel giro di 24 ore si sono trasformate assumendo una forma simile a delle verruche; circolari, chiare, bombate e dure con un piccolo puntino al centro. In quel caso l’ho fatta vedere al dermatologo e la diagnosi è stata la medesima: punture di insetto.

Non passa giorno in cui non abbia un’eruzione cutanea di puntura d’insetto. E pensare che in genere ero io quella che puntualmente veniva punta…ero una di quelle che se ci sono cento persone e una sola zanzara, la pizzicata la prendo io, sicuro! Per fortuna non ho mai avuto reazioni cutanee strane che andassero oltre alla classica “tozza” e al prurito mentre Zoe pare proprio che scateni ogni volta una reazione allergica. :(

Durante tutta l’estate abbiamo lottato contro le zanzare e anche durante la nostra vacanza a Lampedusa non abbiamo avuto tregua! Per fortuna avevo messo in valigia il nostro kit di sopravvivenza :D …ovvero i miei prodotti preferiti, che sto usando da un po’, e che pare ci abbiano fatto raggiungere una stabilità decisamente accettabile!

Primo fra tutti è il Talco non Talco della Fiocchi di Riso. Si tratta di una sorta di talco (ma non contiene talco) in versione liquida, quindi un’emulsione spalmabile che nasce con lo scopo di regolare la sudorazione della pelle (altro tasto dolente nei bambini piccoli) e allo stesso tempo, grazie al suo odore disorienta gli insetti che non riescono più a localizzarci. Contiene olio e amido di riso, calendula e olio di oliva quindi è un prodotto naturalissimo, che non provoca occlusione dei pori e mi piace proprio tanto, tanto che lo uso per tutta la famiglia! :D

Per “nasconderci” dagli insetti, sto utilizzando sia per me che per le bimbe anche un altro rimedio: il Ledum Palustre. Si tratta di una pianta selvatica che viene ritenuta efficace per la difesa dalle punture delle zanzare ed il cui estratto, sotto forma di globuli omeopatici, rende l’odore del sudore umano sgradevole alle zanzare che dunque si allontanano. (Non preoccupatevi del fatto che cambi e diventi più percettibile anche per gli esseri umani perché questo non non è così, potete utilizzarlo tranquillamente senza rischiare cattivi odori! :D ) Il Ledum Palustre è disponibile in commercio in varie concentrazioni ma prima dell’assunzione vi consiglio sempre di verificare con il proprio medico o pediatra l’adeguatezza di ogni prodotto, specialmente quando parliamo dei più piccoli!

In valigia avevo messo un piccolo dispositivo del brand Alecto (olandese, che da oltre 40 anni opera nel settore dell’elettronica, realizzando apparecchi e ausili per bambini e anziani). Si tratta di un repellente per gli insetti ad ultrasuoni che si inserisce semplicemente nella presa della corrente e che dovrebbe respingere le zanzare fino a 5m metri di distanza. Non utilizza sostanze chimiche o tossiche ed è quindi particolarmente adatto alle aree con bambini.

Quando invece siamo a casa, utilizzo anche un altro prodotto che ho scoperto online, sempre di Alecto. Si tratta di una lampada cattura insetti, ovvero un dispositivo che cattura gli insetti basandosi sull’attrazione degli stessi verso il colore blu/viola di una luce UV. Non è nocivo per gli esseri umani e tantomeno per i bambini! Non utilizza schede di colla o ad alta tensione, è inodore, non utilizza gas o agenti chimici, insomma è davvero perfetto per le camerette dei bambini e dei neonati. Io lo lascio acceso sempre, nella stanza di Zoe e prima di metterla a nanna lo stacco e lo svuoto in un attimo.

Quest’anno ci siamo armate fino ai denti per combattere queste maledette zanzare ma (ve lo dico sottovoce, così non sentono) credo che abbiamo trovato l’assetto giusto…e chi lo cambia più! :D

Related posts:

Bookmark the permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>