Prevenire l’influenza…senza farmaci

Premesso che la prima febbre della stagione l’abbiamo già presa e siamo al secondo giro di raffreddore, voglio essere positiva ed ottimista. Con i primi freddi e soprattutto dopo l’inizio di scuola e asilo, tutte noi mamme siamo già alle prese con i malanni stagionali che inevitabilmente colpiscono i nostri bambini. Le temperature infatti sono scese notevolmente in pochi giorni e la pioggia e l’arietta fresca ci ricordano che la stagione invernale è in arrivo e con lei le classiche influenze e malattie da raffreddamento.
Prendere un colpo d’aria con questi sbalzi di temperatura è un gioco da ragazzi e come vi ho detto, anche Nicole è riuscita nell’impresa guadagnandosi i primi malanni. Partiamo bene…aiutooooo

influenza_raffredore_prevenzione_naturale_bambini_momeme

Esistono però piccoli accorgimenti per prevenire questi malanni e vivere al meglio la stagione fredda…e forse è il caso che anche noi li mettiamo in pratica per benino.

• Lavarsi spesso le mani
Per quanto possa sembrare banale, è la prima norma igienica che andrebbe rispettata, sempre e comunque, da grandi e piccoli. Spesso la trasmissione dei virus avviene dal contatto con le superfici già contaminate. Starnuti e colpi di tosse lasciano sulle mani migliaia di virus che, da queste, vengono poi distribuiti su tutto ciò che si tocca; maniglie dei tram, corrimano delle scale, bancomat, banconote, monete, tastiere del pc e cellulari sono solo alcune delle così dette fonti indirette di contagio. Ecco perché è buona norma, prima dei pasti, prima di andare a dormire e ogni volta che si rientra in casa dopo aver frequentato luoghi affollati (mezzi pubblici, scuole, ospedali, negozi, centri commerciali…) è importantissimo lavarsi bene le mani con acqua e sapone per limitare la diffusione di batteri e virus. Buona norma sarebbe anche quella di portare sempre con se un gel igienizzante (tipo Amuchina o similari) per disinfettare le mani quando si è fuori casa.

• Evitare di toccarsi gli occhi, il naso o la bocca con le mani sporche
I germi presenti sulle superfici, raccolti sulle mani, si diffondono anche in questo modo.

• Utilizzare fazzoletti monouso
Utilizzare i fazzoletti di carta anziché quelli di stoffa è molto più igienico perché quest’ultimi venendo utilizzati più vuole, sono maggiormente esposti a germi e contaminazioni.

• Arieggiare i locali chiusi
Purificare l’aria all’interno delle case, delle aule scolastiche, delle palestre, delle piscine, dei negozi ecc. è fondamentale per diluire la quantità di virus presenti nell’ambiente. L’ideale sarebbe arieggiare mezzeretta per almeno due volte al giorno e, nella camera da letto, anche qualche minuto prima di coricarsi.

• Evitare gli sbalzi di temperatura
Il classico colpo d’aria esiste eccome! Non ci si ammala per l’aria fredda o per le basse temperature, altrimenti in Alaska sarebbero tutti sempre malati! Il vero problema è il passaggio dal caldo degli ambienti chiusi al freddo dell’esterno che provoca una specie di sospensione del sistema di pulizia delle vie aeree, favorendo il ristagno nel naso, nella gola e nei bronchi di virus e batteri, responsabili, il più delle volte, di infezioni alle prime vie respiratorie.
Per ovviare al problema sarebbe sufficiente non tenere i riscaldamenti in casa eccessivamente alti (mai più di 22º), avendo cura di vestirsi e svestirsi quando si entra ed esce dai negozi, i centri commerciali, i supermercati. Buona norma è coprirsi non solo la gola ma anche la bocca quando fa molto freddo!

• Stare all’aperto
Sebbene la tendenza durante la stagione fredda sia quella di chiudersi in casa e di chiudere in casa i bambini, in realtà nulla vieta di praticare attività fisica all’aperto purché adeguatamente coperti e protetti. Sì, quindi, a sport come calcio, corsa, sport di montagna… Le basse temperature, infatti, attivano il sistema circolatorio e attivano in modo naturale il sistema immunitario che, in questo modo, si mette in uno stato di allerta.

• Aumentare le difese immunitarie a tavola
Scegliere frutta e verdura di stagione non è importante solo per questioni ambientali ed economiche, ma anche per proteggere il nostro organismo, infatti, molta frutta e verdura tipici dei mesi invernali, spesso sono molto ricchi di vitamina A e sono fondamentali per innalzare le difese immunitarie aiutando l’organismo a difendersi dai malanni stagionali. Sì, quindi, a carote, zucca, spinaci, ravanelli, broccoli e cavoli che, tra l’altro, consumati crudi, sono anche ottimi antibatterici. (Qui dovrò inventarmi qualche nuova ricetta…già lo so!) Per la frutta invece abbondiamo di kiwi, arance e mandarini che sono ricchi di vitamina C, fondamentale per contrastare malattie respiratorie e da raffreddamento e per migliorare la capacità di assorbimento del ferro da parte dell’organismo.
Anche la frutta secca è molto importante, per esempio le mandorle stimolano positivamente l’organismo a resistere agli attacchi virali.

Queste semplici abitudini non ci renderanno immuni alle influenze e alle malattie ma sicuramente ci aiuteranno ad essere più forti, senza però dimenticare che i bambini che frequentano asili, scuole, palestre, piscine ecc. sono ovviamente più a rischio, indipendentemente da quelli che sono i comportamenti e le norme tenuti in casa.
Quindi mamme forza e coraggio…siamo tutte sulla stessa barca! :/

Related posts:

Bookmark the permalink.

2 Comments

  1. Che bello questo post, oltre agli ottimi consigli, è rassicurante come mamma. Baci
    http://www.mammachefashion.com

    • Grazie Concetta. Sapessi quante volte anche io mi avvilisco vedendo con quanta frequenza si ammala! Ma almeno so di non essere la sola…
      Buona giornata!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>